You are hereUlteriori specificazioni sul decreto del fare 2

Ulteriori specificazioni sul decreto del fare 2


By Andrea - Posted on 17 September 2013

Il Presidente Nazionale Avv. Gabriele Bruyère ha ottenuto dal Ministero dello Sviluppo e dell'Economia ulteriori anticipazioni in merito alla definizione del decreto del fare 2.
Il decreto, che dovrà poi essere convertito in legge, propone, è stato confermato, una modifica alla disciplina sull'attestato di prestazione energetica di cui al DL 192/2005 e sostituisce la nullità
dei contrratti di vendita, trasferimento a titolo gratuito, o locazione di beni immobili, prevista in mancanza dell'attestato di prestazione energetica con sanzioni amministrative.
Secondo il Ministero, che ha aderito alle rimostranze dell'Uppi, la nullità dei contratti ai quali non sia allegato l'attestato di prestazione energetica appare esorbitante rispetto a quanto previsto dalla direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica in materia di edilizia. Detta normativa infatti fa riferimento alla conoscibilità da parte dell'acquirente o del conduttore dell'attestato, ma non prevede nulla in merito agli atti. La nullità non è necessaria, nè opportuna per il raggiungimento degli scopi della direttiva. e sicuramente incide negativamente nel settore immobiliare già fortemente in crisi. Al posto della nullità il decreto propone pertanto una multa di € 250,00= per le locazioni e di € 500,00= per le compravendite effettuate senza allegare al contratto l'attestato di prestazione energetica. Per gli atti di trasferimento gratuito (donazioni) resta in vigore l'inserimento della apposita clausola di presa visione
prevista da D.lgs. 192/2005.

AddThis