You are hereCOMUNICATI STAMPA / ANNO 2015 / 10/11/2015 COMUNICATO STAMPA-- OPERAZIONE TRASPARENZA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE: ORA NELLE VISURE CATASTALI COMPARIRA’ ANCHE LA SUPERFICIE IN MQ.

10/11/2015 COMUNICATO STAMPA-- OPERAZIONE TRASPARENZA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE: ORA NELLE VISURE CATASTALI COMPARIRA’ ANCHE LA SUPERFICIE IN MQ.


By Andrea - Posted on 10 November 2015

L’Agenzia delle Entrate ha inserito nelle visure catastali la superficie espressa in Mq degli appartamenti, degli uffici e degli immobili a destinazione pubblica. Rimangono esclusi tutti quegli immobili che non è stato possibile effettuare le misure a causa della mancanza delle planimetrie, oppure le stesse se esistenti, non sono state ben riprodotte in scala. Per quanto riguarda, invece, gli immobili con categoria C, la metratura espressa in Mq. è sempre stata indicata, mancando i riferimenti del numero dei vani.
L’obiettivo dell’Agenzia è quello di rendere più trasparente e più chiara la lettura della visura catastale e, naturalmente, evidenziare le grosse disparità inserite nell’attuale Catasto dovute agli accatastamenti più datati rispetto quelli più recenti.
L’UPPI (Unione Piccoli Proprietari Immobiliari) ha sempre sostenuto che la riforma del Catasto deve essere attuata proprio perché di fatto esistono situazioni con rendite catastali errate e non proporzionate alle rendite catastali dei fabbricati accatastati recentemente. Il vero problema, comunque, sostiene sempre l’UPPI, è quello della tassazione: con l’attuale e assurdo sistema di tassazione immobiliare, diventerebbe praticamente impossibile mantenere invariato il gettito, attuando la riforma del catasto ai valori di mercato. Grazie ai numerosi Convegni organizzati dall’UPPI nell’anno 2015, a cui sono stati invitati alti esponenti dell’Agenzia delle Entrate, (Firenze 19/06 – Mestre 8/05 – Roma 23/04 – Torino 28/03), l’UPPI ha fatto capire che con l’attuale sistema di tassazione immobiliare la riforma del catasto attuata in questo momento sarebbe stata la fine del mercato immobiliare.
Comunque si deve riconoscere all’Agenzia delle Entrate il grande e poderoso sforzo effettuato. Ora non resta che cominciare a verificare i propri immobili anche dal punto di vista della superficie, facendo correggere ai tecnici dell’UPPI gli eventuali errori di calcolo delle planimetrie: state comunque tranquilli, per ora le rendite non cambiano!

Avv. Gabriele Bruyère Presidente Nazionale

Rag. Andrea Casarini Segretario Nazionale

AllegatoDimensione
2015 11 10 Comunicato UPPI su trasparenza.pdf339.87 KB

AddThis